Proroga Naspi e REM: come si presenta domanda e quando arriva il pagamento

Per chi attende la proroga della Naspi buone notizie: spetteranno 3 mensilità di reddito di emergenza senza il rispetto dei requisiti patrimoniali.
contributo a fondo perduto

Con l’approvazione definitiva del Decreto Sostegni si inizia a far chiarezza anche sulla proroga Naspi, che oggettivamente non ci sarà. Ma coloro che hanno visto terminare la propria indennità di disoccupazione potranno accedere al reddito di emergenza senza il rispetto dei requisiti patrimoniali. Cerchiamo di capire le novità.

Proroga Naspi e REM

Secondo le parole di Mario Draghi si tratta di “Un intervento significativo è quello verso i meno abbienti, a partire da chi ha perso il sussidio di disoccupazione e di chi ha perso il lavoro: c’è l’estensione del reddito di emergenza sia della platea che degli importi stanziati”.

Proprio per questo motivo il decreto Sostegni prevede 3 nuove mensilità di REM che saranno riferite ai mesi di marzo, aprile e maggio 2021 per i nuclei familiari in difficoltà. I requisiti per averne diritto restano quasi del tutto invariati ed occorre:

  • avere un reddito familiare riferito al mese di febbraio 2021 inferiore alla quota spettante di reddito di emergenza
  • essere residenti in Italia
  • avere un patrimonio mobiliare inferiore ai 10mila euro (aumentati di 5mila euro per ogni componente oltre il primo ed entro la soglia dei 20mila euro totali)
  • avere un Isee inferiore a 15mila euro.

La novità del nuovo REMè che l’importo spettante mensilmente, che ricordiamo varia tra i 400 e gli 840 euro mensili, è aumentato di un dodicesimo del costo annuo della locazione (se si vive in affitto) così come dichiarato nell’ISEE.

Pubblicità

Per i lavoratori che hanno visto la propria Naspi, Dis Coll o disoccupazione agricola in scadenza tra il 1 luglio 2020 ed il 28 febbraio 2021, non sarà richiesto il rispetto dei requisiti patrimoniali.

REM e domanda

La domanda per le 3 nuove mensilità di REM va presentata entro e non oltre il 30 aprile con i consueti canali (sito INPS, cantact center o CAF). Il primo pagamento è atteso già nel mese di aprile per chi presenta domanda in modo tempestivo. Per presentare domanda, in ogni caso, è necessario attendere le istruzioni operative dell’INPS: a quanto sembra per chi ha già percepito il reddito di emergenza non ci sarà bisogno di presentare domanda in quanto le erogazione avverranno in automatico.

📰 Segui Pensioni&Fisco su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina
Total
4
Shares
Potrebbe interessarti: