Stipendi deputati, senatori e sindaci: a quanto ammontano?

Quanto guadagnano i nostri politici? Senatori, deputati, ministri, premier e presidenti delle Regioni, vediamo lo stipendio mensile.

Bonus detrazioni al Sud

Mancano circa 40 giorni al referendum per il taglio del numero dei parlamentari.

Si torna nuovamente, visto che è un argomento abbastanza ricorrente, a parlare degli stipendi dei nostri politici proprio mentre infuria la polemica per i 5 parlamentari che hanno richiesto il bonus da 600 euro.

Stipendi politici

Ma, quindi, quanto guadagna un uomo politico? Si è parlato di cifre superiori ai 12mila euro ma è bene precisare che non tutti coloro che intraprendono la strada della politica hanno questi stipendi da capogiro.

Lo stipendio più alto è percepito dai senatori che tra indennità, diarie e rimborsi riceve più di 14.500 euro al mese.

Più poveri, invece, i deputati che sommando tutte le voci del loro stipendio non arrivano neanche a 14mila euro.

Ma per i parlamentari non c’è solo lo stipendio e questo va sottolineato visto che non pagano i trasporti (treni e aerei gratuiti quindi).

E i Ministri? Quelli eletti in parlamento continuano a ricevere l’indennità della Camera cui appartengono; i non eletti, invece, che non rientrano tra i parlamentari, guadagnano soltanto 4500 euro al mese.

E il nostro premier che stipendio ha? Giuseppe Conte non è stato eletto e, quindi, non è un parlamentare; il suo stipendio è di 114mila euro l’anno, circa 9500 euro al mese per 12 mensilità. In ogni caso il premier si è ridotto lil compenso del 20% così come stabilito dal Movimento 5 Stelle per i suoi eletti.

Ma è da tenere conto che prima di diventare premier Giuseppe Conte esercitava la professione di avvocato e guadagnava molto di più: prima di impegnarsi in politica aveva dichiarato, in un anno, 1 milione e 100mila euro di reddito.

Non solo deputati, senatori e ministri. Anche i presidenti delle Regioni hanno stipendi da capogiro che, prò, non può superare i 13800 euro al mese.

Nicola Zingaretti, Luca Zaia, Michele Emiliano, Attilio Fontana hanno stipendi lordi che superano i 13mila euro. Vincenzo De Luca, invece un netto di 10200 euro.

Il più “povero” dei governatori è Stefano Bonaccini che ha uno stipendio lordo di poco più di 9700 euro al mese.